Don Vladimìr

 

(Parodia di “Don Raffaè”)

 

Parole: D. Pace / F. De André

Musica: F. De André / D. Modugno

 

Don Raffaè cantata da Fabrizio De André

 

Io mi chiamo Fulgencio Batista

e fui dittatore di Cuba – Olé.

Fui mafioso y anticomunista,

son muerto in España nel ’73.

 

Oramai sto all’inferno, in pensione,

pero colgo aqui l’occasione,

se alle volte mi stesse a sentir,

yo do aqui un consiglio a Don Vladimìr.

 

Co’ sto  monno pien’ ‘e terroristi

che ammazzano a caso, chi viè, chi nun viè,

non ci sono più i Bravi Fascisti,
e c’è ancora chi a Cuba s'à piglia me!

Ma se voi vi leggete il giornale,

c’è scritto, papale-papale,

che oggigiorno, col tiempo que està

manc ‘i dittatori n’i sanno cchiù fa’!

 

Qui c’è gente che prende i bambini,

ne fa assassini, e Merkel che fa?

Si costerna, s'indigna, s'impegna,
poi getta la spugna con gran dignità.

 

Voi vi basta una mossa, una voce,
su ‘sto Daash  facimmona croce,
con rispetto s'è fatto le tre,
volite lo vodka, o correggo 'o cafè?

Ah, che bell'ò cafè,
pure in Russia po’ piacer,

co' à ricetta que el nuestro Benito,
compagno ‘e partito,

ci dié a Berlinguer.

 

dite un po’, ma che fu quest’idea,

pappass ‘a Crimea, che stavase là?

Che tte fu, che ‘na bella matina

contr’ all’Ucraìna la guerra voi fa’? 

 

Io lo saccio che d’è ‘sto furore:

tu te credi d’ess’imperatore,

ma lo fatto, lo fatto che c’è,

ch’ormai ‘natu imperio, la Russia oi ‘.

 

Presidente site d’a nazione

cchiù grande del mondo, che soddisfazione.

Che ve frega si qualche vicino

vo’ fa’ ‘n po’ da solo, senza lo Cremlino?

 

Eccellenza, politicamente,

voi restate lo stesso ‘n Potente,

perciò non pretennete di cchiù,

fatev ‘o cafè co’ o’ tiramisù.

 

Ah, che bell'ò cafè,
pure in Russia po’ piacer,

co' à ricetta que el nuestro Benito,
compagno ‘e partito,

ci dié a Berlinguer.

 

E chi crepa de rabbia,

se faccia ‘n cafè!